Frullatori a immersione con presa europea: migliori prodotti di Ottobre 2021, prezzi, recensioni

I nostri ritmi di vita sono spesso assai frenetici. Siamo ormai un po’ tutti multitasking, per scelta o necessità. Lavoro, famiglia, telefonate, email, faccende domestiche e via dicendo: operazioni che spesso compiamo in modo contemporaneo ed ormai automatizzato. Forse ci aiuta ad ottimizzare i tempi, ma è certamente un fattore di rischio. Soprattutto in casa, ove le nostre azioni sono più automatiche e “inconsce”. Particolare attenzione va posta con gli apparecchi elettrici: quelli in cucina sono tra quelli che usiamo più frequentemente. Tra questi, il frullatore ad immersione. Allora parliamo del frullatore con presa europea.

Frullatore con presa europea: come è fatto

Tale frullatore ha una forma allungata ed è composto da tre parti. L’impugnatura contiene la parte elettrica, ossia il motore che lo fa funzionare. Qui sono posti anche i tasti di attivazione. La gamba, in plastica o metallo, è spesso staccabile e la collega alla terza parte, detta piede. Nel piede ci sono le lame per frullare. Per usarlo, è sufficiente immergerlo negli alimenti da frullare ed azionarlo. Perché lo usiamo spesso? Perché ci consente di fare moltissime cose. Con poca fatica e poco tempo, creme, passati, mousse e frullati sono pronti. Ma anche dolci, e le pappe per i bimbi. I frullatori con presa europea sono particolari.

Reti elettriche e prese

Gli incidenti domestici si verificano in misura ancora notevole. Bambini, anziani e donne sono le vittime più frequenti, proprio in quanto abitualmente più presenti in casa. Apparecchi elettrici e cucina ne sono cause frequenti. Per questo è bene avere almeno alcune informazioni di base circa gli apparecchi elettrici. Nel mondo esistono diversi tipi di rete elettrica e di prese. Negli Stati Uniti ed Americhe in generale si utilizza una rete a 110-120 volt. In Italia e moltissimi altri Paesi è a 220-240 volt. Anche le prese hanno diversi modelli, identificati con lettere dell’alfabeto.

Le prese in Italia

In Italia siamo abituati prevalentemente alla presa a tre poli, ma ormai conosciamo anche la cosiddetta presa europea che è diffusa in vari Paesi del mondo. Ne esistono due tipi. Quella a due poli, con due fori tondi, da noi è meno diffusa. L’altro tipo è quella detta Schuko e conosciuta come “tedesca”, con i due poli di terra ai lati della presa.

Frullatore con presa europea

Molti elettrodomestici nelle nostre case offrono questo tipo di presa. Circa i frullatori ad immersione, questo tipo di presa si trova prevalentemente nei modelli di aziende produttrici di comprovata affidabilità. Tedesche, ma non solo. Si tratta di aziende specializzate in prodotti elettrici, con linee dedicate alla cucina ed al fai da te. Sono frullatori di potenza abbastanza elevata, anche di 1000 w. Sono compatibili con la rete italiana a 220 volt. Offrono in genere molti accessori: vediamoli meglio.

Frullatore con presa europea: gli accessori

Offrono il classico bicchiere dosatore, che ha una duplice funzione. Possiamo usarlo come contenitore in cui frullare direttamente gli alimenti. Ma essendo graduato ci è utile per dosare correttamente i vari tipi di ingredienti che dobbiamo miscelare. Avendo un motore potente, si prestano a lavorare anche cibi di consistenza notevole. Quindi, spesso includono un accessorio tritatutto per carne o verdure di particolare consistenza. Sempre presente la classica frusta per sbattere e montare. Utile anche la protezione antischizzi.

Altre caratteristiche

Gamba e lame in metallo offrono buona resistenza e garanzia di compatibilità con cibi caldi. L’impugnatura è antiscivolo ed ergonomica. Questi frullatori offrono più di una velocità, il che è utile per adattarsi ai nostri tempi ma anche ai differenti cibi che trattiamo. Il frullatore è smontabile per facilitare la pulizia. Alcune componenti sono lavabili in lavastoviglie: valutiamo tale opportunità.

I manuali

Prima di acquistare il nostro frullatore, teniamo conto di un ulteriore aspetto: il manuale di uso e manutenzione. Deve essere assolutamente presente, multilingua ed ovviamente anche in italiano. I modelli migliori forniscono un manuale chiaro e completo, con le istruzioni per montaggio, pulizia ed uso. Rispetto alle norme di utilizzo, i manuali specificano i problemi relativi ad un utilizzo scorretto dell’apparecchio. Ma i migliori avvisano altresì circa i problemi legati alla possibile superficialità dell’utente. Un esempio? Frullare alimenti molto caldi in un bicchiere troppo basso. Tipico esempio, il latte: può schizzare ed ustionare.

Quando utilizziamo la presa europea con un adattatore, controlliamo che quest’ultimo si idoneo all’apparecchio ed a norma

Conclusioni

Il frullatore con presa europea è certamente tra i migliori. Valutiamo la presenza delle certificazioni rispetto alle norme di sicurezza internazionali. Sono molte e possono variare. Ma è fondamentale la presenza almeno di una o più tra quelle principali ed accettate anche dall’Italia. Forse alcuni modelli costeranno di più, ma la nostra sicurezza vale la spesa. Ulteriore attenzione: in alcuni casi, per questo tipo di prese nelle nostre case dobbiamo utilizzare degli adattatori. Evitiamo di commettere l’errore di usare un adattatore qualsiasi. Controlliamo che sia compatibile con la potenza dell’apparecchio su cui lo usiamo. E’ un elemento scritto sull’adattatore. E controlliamo che anche l’adattatore sia a norma, pena il vanificare tutto il sistema di sicurezza.

Laura Daveggia è nata nel 1962 a Venezia, città in cui vive. Amante di musica classica, lettura e scrittura, ha pubblicato diversi articoli, sia online che cartacei, e due libri. Per breve periodo ha collaborato con Metropolitan Magazine e Fidelity House. Attualmente collabora con il blog “The Web Coffee” e con la rivista “Profilo Salute”.

Back to top
menu
Frullatori a Immersione